DOVE SIAMO  |  CONTATTI  



Comunita' La Tempesta

VirgoletteLa cura psico-sociale nella Comunità terapeutica La Tempesta è intesa come ricostruzione e riappropriazione di una storia difficile e di un futuro possibile che ne tenga conto.
Guarire dalla tossicomania, attraverso un’esperienza psicoterapeutica ed educativa comunitaria, significa essere e diventare se stessi. Premessa necessaria è conoscersi: partendo da come si è oggi, indagando come si era ieri e ipotizzando come si potrebbe essere domani.
Con l’intento di essere messi in grado di progettare il proprio destino di adulti.Virgolette

Prof. Luigi Cancrini

BENVENUTI

I pazienti che chiedono di entrare in una Comunità terapeutica hanno spesso perso ogni speranza, si sentono schiacciati da problemi che considerano enormi e di cui non conoscono la natura e la soluzione.

Perciò hanno bisogno di sapere che chi li prende in carico conosca le difficoltà in cui si dibattono, creda in loro come esseri umani, abbia speranza di cambiamento e sappia aiutarli ad uscire dal meccanismo tossicomanico, consistente sostanzialmente in un circolo vizioso che tende alla compulsione a ripetere l'uso di sostanze, sino ad intrappolare l'individuo, rendendolo dipendente e senza speranza.

La richiesta di una presa in carico è globale in quanto si tratta di persone che non sono in grado di essere aiutate ambulatorialmente perché non riescono a sottrarsi alle sostanze che impediscono loro di affrontare una terapia psicologica e riabilitativa.

Hanno bisogno dell'istituzione che li protegga e si faccia totalmente carico di loro e dei loro problemi.
La presa in carico è un'assunzione di responsabilità da parte principalmente: dell'istituzione, dell 'équipe e dei terapeuti con gli obiettivi di:

• Stabilire una relazione con il paziente che gli permetta di utilizzarla come contesto del processo terapeutico;
Accompagnarlo nelle vicissitudini del percorso terapeutico "riscattarlo" dal funzionamento a "circolo patologico" nel quale si sente intrappolato;
Favorire le risorse sane dell'Io, abbandonando le identificazioni con gli aspetti patologici di figure parentali o del proprio contesto socio-familiare.